Fotoringiovanimento

Luce alla tua giovinezza

Fotoepilazione permanente

Nulla di superfluo!

su inguine

Fotoepilazione permanente

Niente di superfluo!

su ascelle

Fotoepilazione permanente

Niente di superfluo!

sulle gambe

Fotoepilazione permanente

Niente di superluo!

sul viso

Fotoepilazione permanente

Non solo per le donne!

Usa questo modulo per chiederci:

  • Il centro più vicino a te

    Golden Light è vicina a casa tua

  • Informazioni sui trattamenti

    Dubbi sulle tecniche e sui risultati?

  • Costi e promozioni

    Informazioni sui prezzi e sulle promozioni disponibili

Contatti online

Ti rispondiamo entro 24 ore

Send us mail

Flash

Chirurgia estetica VIP

Salma Hayek nota per il suo fascino latino e le sue forme generose, l’attrice Salma Hayek è stata consacrata agli “onori” del gossip per l’originale titolo di “seno più bello del cinema”, dopo l’uscita del film “Chiedi alla polvere”. Ma se il suo splendido seno non sembra essere il frutto di una mastoplastica additiva, che dire del confronto tra una foto degli esordi e una recente? Nel scegliere il chirurgo per la sua rinoplastica, certamente la Hayek ha avuto fiuto, o meglio, naso. Simona Ventura ammette recentemente il felice ricorso alla mastoplastica additiva per uscire da un periodo di crisi, salvo poi pentirsi, dichiarando di desiderare “le tette di prima”. Ma Simona Ventura lascia ai suoi telespettatori ben più che un sospetto sui suoi molteplici altri interventi di chirurgia estetica. Negli anni il naso ha cambiato profilo ripetutamente, fino ad arrivare a quello di oggi, indiscutibilmente migliore. E che dire delle labbra che nel tempo hanno acquistato volume? O delle rughe che, sulla soglia dei 40 non accennano la loro minima comparsa? Questa freschezza è un regalo di un generoso patrimonio genetico o di uno splendido lifting viso? Il seno di Pamela Anderson, le labbra di Angelina Jolie, il fondoschiena di Jennifer Lopez… La lista è davvero lunga, e l’Isaps (International Society of Aesthetic Plastic Surgery) si è preso la briga di stilare con precisione certosina i “pezzi” di vip che farebbero il Frankestein della bellezza ideale per gli americani. E gli italiani? Contagiati dal trend Usa, ma non troppo. L’italiano ha un rapporto controverso con la chirurgia estetica, al di là del pudore che avvolge l’argomento, il retroterra culturale da cui proviene in qualche modo impedisce di cadere nella facile trappola dell’adeguamento supino ad un modello già preconfezionato dai media. Vedi: Chirurgia estetica VIP